Gruppo Astrofili Arezzo | Aprile 2021
5760
post-template-default,single,single-post,postid-5760,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Aprile 2021

Il cielo di aprile 2021

Il cielo di aprile 2020

Il cielo di aprile 2020

Il cielo di aprile 2020

Aprile 2021

Il cielo di aprile 2019

Notte del 15 aprile 2021 da Arezzo

Anche se le limitazioni di questo periodo limitano le possibilità di uscire, il cielo nel suo perenne moto apparente, continua a mostrarci spettacolari eventi.

Marzo si è appena chiuso con il passaggio del Sole al meridiano celeste, il 20 marzo con l’equinozio di primavera siamo entrati nella primavera astronomica.

Aprile segna il passaggio dal cielo invernale a quello estivo. Subito dopo il tramonto, guardando verso Est, possiamo scorgere l’ultimo brandello delle luminose costellazioni che ci hanno accompagnato durante i mesi invernali.

Nella prima parte della notte è ancora visibile il cacciatore Orione e la stella gigante rossa Betelgeuse. Verso sud-ovest scorgiamo la brillante Procione nella minimale costellazione del Cane Minore, ultimo vertice visibile del triangolo invernale. Procedendo verso nord-ovest incontriamo la coppia Castore e Polluce nella costellazione dei Gemelli, l’ampio esagono dell’Auriga, con la brillante Capella e, infine, l’ultima porzione dell’ampia costellazione del Perseo.

Mentre Sirio (la stella più luminosa del cielo anche se tecnicamente appartenente al cielo australe trovandosi sotto la cintura di Orione) nel Cane Maggiore è ormai visibile solo ad inizio mese nelle prime ore dopo il crepuscolo, dalla parte opposta, verso Est, sono ormai visibili le prime costellazioni estive.

Ecco quindi apparire in cielo la brillante Vega (2 volte circa la massa del Sole ma ben 37 volte più luminosa), stella Alpha della Lira, seguita dalla costellazione del Cigno (o croce del nord) con la sua supergigante bianca Deneb (coda in arabo).  Poco più in altro troviamo l’ampia costellazione di Ercole, ben riconoscibile dal quadrilatero centrale, che ospita uno dei più belli ammassi globulari dell’intera volta celeste, M13 o Ammasso Globulare di Ercole visibile anche ad occhio nudo con cieli bui. Proseguendo, incontriamo la costellazione della Corona Boreale, composta da stelle di media magnitudine, se osservabile nella sua interezza, indice di buona qualità del cielo. Infine, basso verso est scorgiamo, a cavallo dell’equatore celeste, la grande costellazione dell’Ofiuco, la cui parte meridionale ricade proprio nella Via Lattea in direzione del centro galattico, zona ricca di ammassi aperti e globulari. Vicino all’Ofiuco sta spuntando la bellissima costellazione estiva dello Scorpione che ritroveremo protagonista del cielo nei prossimi mesi.

La Luna piena di aprile cade il giorno 27 proprio a ridosso del transito al perigeo (il punto dell’orbita della Luna più vicino alla terra pari a 357.378 km). La minima vicinanza dalla Terra farà apparire la Luna circa 7% più grande ed il 15% più luminosa di un plenilunio medio e che comunemente prende il nome di Superluna. Il termine Superluna non è un termine scientifico ufficiale (la Luna è sempre la stessa) ma è ormai entrata nel vocabolario comune stimolando comunque l’osservazione. Le maggiori dimensioni della Luna non sono particolarmente evidenti ad occhio nudo, ma appaiono ben visibili se confrontate in foto con il plenilunio all’apogeo (posizione orbitale in cui la Luna si trova nel punto più lontano dalla Terra) come nella bellissima composizione delle foto sotto del nostro presidente Lorenzo Sestini. La luna piena di aprile, infine, prende il nome di Pink Moon (Luna Rosa), nome ispirato dalle prime fioriture di Primavera.

Con aprile, dopo la congiunzione con il Sole, torna ad essere visibile Venere nel cielo serale bassa all’orizzonte Ovest. Continua la buona visibilità di Marte nel cielo serale, facilmente individuabile ad Ovest dopo il tramonto del Sole fino al tramonto dopo la mezzanotte. Giove e Saturno sono sempre meglio osservabili nel cielo della mattina. In aprile, Giove e Saturno anticipano progressivamente l’orario della levata e l’altezza in cielo sull’orizzonte Sud-Est, con Giove come pianeta più luminoso del mattino e primo a sorgere.

La data della Pasqua è fissata alla prima domenica dopo il plenilunio successivo all’equinozio di primavera. Nel 2021, come detto, l’equinozio di primavera è caduto il 20 marzo ed il primo plenilunio successivo il giorno 28 marzo. La prima domenica successiva, il 4 aprile segna quindi la Pasqua 2021.

Chiudiamo, quindi, augurando una felice e serena Pasqua. Al prossimo mese.

PIANETI

MERCURIO

CIELO_DEL_MESE-MERCURIO

Per gran parte del mese il pianeta è praticamente inosservabile. Mercurio scompare dal cielo del mattino e va in congiunzione con il Sole il 19 aprile. Tuttavia, negli ultimi giorni di aprile il pianeta si allontana molto rapidamente dal Sole. Mercurio arriva a tramontare oltre un’ora dopo il Sole, intervallo di tempo che rende possibile tentarne l’osservazione in orario serale.

VENERE

CIELO_DEL_MESE-VENERE

Il pianeta è reduce dalla congiunzione con il Sole. Venere inizia ad allontanarsi molto lentamente dal Sole e torna ad essere visibile nel cielo serale, dove però rimane a lungo molto basso sull’orizzonte occidentale. Possiamo quindi osservarlo con difficoltà e per breve tempo, ancora confuso nella luce del crepuscolo. L’osservabilità migliora leggermente alla fine del mese. Il giorno 14 Venere lascia la costellazione dei Pesci e fa il suo ingresso nell’Ariete.

MARTE

CIELO_DEL_MESE-Marte

Il pianeta rosso è ancora osservabile in orario serale. Possiamo individuarlo facilmente ad Ovest dopo il tramonto del Sole per poi seguirlo sempre più basso sull’orizzonte fino al suo tramonto che avviene dopo la mezzanotte. Nel corso del mese Marte completa il suo percorso nella costellazione del Toro e il giorno 24 fa il suo ingresso nei Gemelli.

GIOVE

CIELO_DEL_MESE-GIOVE

Migliora la visibilità al mattino presto del pianeta. Progressivamente anticipa l’orario del proprio sorgere ed aumenta l’altezza a cui possiamo osservarlo sull’orizzonte a Sud-Est poco prima del sorgere del Sole. è il più luminoso dei pianeti visibili al mattino presto, ed è il primo a sorgere. I pianeti più esterni si muovono lentamente lungo la fascia zodiacale: non è quindi così frequente assistere al passaggio da una costellazione all’altra, evento che possiamo osservare il 25 aprile, quando Giove lascia la costellazione del Capricorno per entrare con moto diretto nell’Acquario.

SATURNO

CIELO_DEL_MESE-SATURNO

Le condizioni di osservabilità del pianeta sono molto simili a quelle di Giove. Saturno sorge prima di Giove. Possiamo quindi individuare il pianeta con gli anelli un po’ più in altro e a destra rispetto al pianeta gigante, in direzione Sud-Est tra le luci dell’alba. Saturno si trova ancora nella costellazione del Capricorno.

PRINCIPALI EVENTI DI aprile

6 aprile alba
Congiunzione Luna e Saturno

7 aprile alba
Congiunzione Luna e Giove

12 aprile tramonto
Congiunzione Luna e Venere

15 aprile ore 9:00am
Congiunzione Luna e Pleiadi

17 aprile ore 9:00pm
Congiunzione Luna e Marte

LUNA CINEREA

In aprile i giorni migliori per osservare la Luna Cinerea sono:

  • 8, 9 aprile subito prima dell’alba
  • 13, 14 aprile subito dopo il tramonto

Ricordiamo che la luce cinerea è un fenomeno della Luna al primo e ultimo quarto, quando presenta un piccolo spicchio illuminato e la luce del sole, riflessa dalla Terra, illumina tenuemente la parte in ombra.

IL SOLE

Arezzo: 43°27’45” N, 11°52’50” E

Il sole oggi: vedere le macchie solari in diretta

crepuscolo civile: il centro geometrico del Sole è tra 0 e 6 gradi sotto l’orizzonte. Gli oggetti si distinguono chiaramente senza luce artificiale.

crepuscolo nautico: il centro del sole è tra i 6 ei 12 gradi sotto l’orizzonte. Marinai possono navigare, con un orizzonte visibile come riferimento.

crepuscolo astronomico: il centro del sole è tra i 12 ei 18 gradi sotto l’orizzonte. Tra la fine del crepuscolo astronomico in serata e l’inizio del crepuscolo astronomico al mattino, il cielo è abbastanza scuro per tutte le osservazioni astronomiche.

FASI LUNARI

APRILE_fasi_luna

PASSAGGI DELLA STAZIONE SPAZIALE ISS

COME OSSERVARE I SATELLITI STARLINK

Buon cielo di aprile dal Gruppo Astrofili di Arezzo !!!
Fabio Chiodini
fabiochi@hotmail.com
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Contattaci