Gruppo Astrofili Arezzo | Giugno 2024
8437
post-template-default,single,single-post,postid-8437,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Giugno 2024

Giugno 2024

Il cielo di giugno 2024

Cielo notte del 15 giugno 2024 da Arezzo

Tra la fine di maggio e l’inizio di giugno la Terra transita nell’orbita di una piccola cometa chiamata 73P/Schwassmann-Wachmann 3 (SW 3). Di per sé questo non è un evento particolare, anzi spesso la Terra passa nell’orbita di varie comete. La SW 3, però, avvicinandosi al sole nel 1995 è andata in frantumi generando molti frammenti. La Terra nella notte tra il 4 ed il 5 giungo passerà proprio in questa scia creando le condizioni ottimali per poter assistere ad uno sciame meteorico che potrebbe fare vedere una pioggia di stelle cadenti eccezionale, come non se ne vedono da decenni.

Al momento non sappiamo se e quante meteore poter osservare. Sappiamo solo che la Terra attraverserà i frammenti di SW 3, una condizione sulla carta perfetta per poter assistere ad uno spettacolo unico. Il quadrante da cui partiranno le meteore sarà la costellazione del Boote. Le meteore saranno lente impiegando alcuni secondi prima di spegnersi.  Purtroppo, la visione sarà disturbata dalla Luna piena la cui luce nasconderà molte meteore. In ogni caso tutti con il naso all’insù per gustarsi lo spettacolo delle stelle cadenti donateci dalla cometa SW 3.

Il 1° giungo ha avuto inizio l’estate metereologica, mentre quest’anno il solstizio, e l’inizio dell’estate astronomica cade il 21 giugno, precisamente alle 16:58. Nel giorno più lungo dell’anno il sole sorge alle 5.29 e tramonta alle 20.58 con una durata di luce di 15 ore e 28 minuti alla nostra latitudine. A mezzogiorno dell’ora solare (le 13.00 dell’ora legale) il Sole raggiunge il punto di massima elevazione sull’orizzonte di circa 70° alla nostra latitudine.

Giugno è il mese con le giornate più lunghe. La porzione luminosa del giorno è ben superiore a quella dominata dall’oscurità. L’inizio della notte astronomica (l’intervallo di tempo in cui il Sole resta sotto l’orizzonte di almeno –18°) si farà attendere fin quasi alle 23:00 e di conseguenza le osservazioni del cielo.

La Luna piena di giugno cade a metà mese il giorno 14 conosciuta come Strawberry Moon (Luna della fragola) in onore dall’arrivo delle prime deliziose fragole.

Veniamo al cielo che accompagnerà le nostre serate nel corso del mese. Il cielo di giugno è ormai dominato dalle costellazioni estive.

A sud è possibile scorgere la bellissima costellazione dello Scorpione, ancora bassa sull’orizzonte ma destinata a salire, con la brillante gigante rossa Antares. Ad est dello Scorpione troviamo il Sagittario, la cui forma è simile a quella di una teiera, e ad ovest la costellazione della Vergine, ultimo lascito del cielo primaverile.

Ad est è ormai ben visibile il terzetto di costellazioni regine dell’estate: il Cigno con la brillante Deneb come vertice della coda dell’uccello, l’Aquila riconoscibile dalla luminosa Altair e la Lira, la più alta in cielo e ben visibile grazie alla brillante stella Vega. Proprio Deneb, Altair e Vega formano l’asterismo del Triangolo Estivo. Alto in cielo ormai allo zenit il quadrilatero della costellazione di Ercole.

Giungo si apre con l’ottima visibilità di Mercurio nel cielo del mattino, che prima di scomparire a fine mese ci regalerà 1 ora circa di tempo di osservazione prima della levata del Sole.  Continua l’ottima visibilità di Venere nelle prima ore della sera seguito da Marte. La seconda parte della notte invece è favorevole all’osservazione di Saturno e verso l’alba di Giove verso Est.

PIANETI

MERCURIO

CIELO_DEL_MESE-MERCURIO

Giugno sarà un mese poco favorevole per l’osservazione del pianeta. Nella prima parte del mese Mercurio si trova ancora nei cieli del mattino, molto basso sull’orizzonte orientale, poco prima del sorgere del Sole, a cui si avvicina rapidamente fino alla congiunzione attesa per il giorno 14. Dopo un periodo di inosservabilità, il pianeta torna ad essere visibile in orario serale, ma solo negli ultimi giorni del mese, quando tramonterà circa un’ora dopo il Sole, avremo maggiori possibilità di riuscire ad individuarlo sull’orizzonte occidentale tra le luci del crepuscolo.

VENERE

CIELO_DEL_MESE-VENERE

Il 4 giugno Venere si trova in congiunzione con il Sole. Finalmente inizia il conto alla rovescia per poterlo rivedere nei cieli della sera, dopo un prolungato periodo di osservabilità al mattino presto prima del sorgere del Sole. Tuttavia per diverse settimane Venere rimane estremamente basso sull’orizzonte occidentale, mantenendosi al di sotto di Mercurio. Pertanto dovremo attendere almeno un mese per ricominciare a scorgerlo più facilmente nella luce del tramonto. Venere completa il proprio percorso nella costellazione del Toro e dal giorno 17 si troverà nei Gemelli.

MARTE

CIELO_DEL_MESE-Marte

Il pianeta rosso incrementa il proprio intervallo di osservabilità nelle ultime ore della notte. Possiamo individuarlo facilmente a Est in una posizione intermedia tra Giove e Saturno. Marte conclude la sua permanenza nella costellazione dei Pesci e lo si può osservare nell’Ariete a partire dal 10 giugno.

GIOVE

CIELO_DEL_MESE-GIOVE

Dopo la congiunzione con il Sole avvenuta il mese scorso, il pianeta gigante ricompare nel cielo mattutino. Inizialmente sarà estremamente basso, ma con il passare delle settimane potremo provare ad individuarlo tra le luci dell’alba sull’orizzonte orientale. Giove si trova nella costellazione del Toro, dove rimane per tutto il resto dell’anno in corso.

SATURNO

CIELO_DEL_MESE-SATURNO

E’ il primo a sorgere tra i pianeti visibili ad occhio nudo nella seconda parte della notte. Il pianeta è facilmente osservabile per un intervallo di tempo sempre più lungo prima dell’alba, dato che anticipa sempre più il suo sorgere: verso la fine del mese lo si vedrà apparire sull’orizzonte orientale intorno all’una di notte. Nelle ore che precedono il sorgere del Sole Saturno sarà visibile a Sud-Est, via via sempre più alto in cielo, fino a scomparire alla nostra vista poco prima del suo culminare a Sud quando il cielo sarà già rischiarato dalla luce del mattino. Saturno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove rimane per tutto l’anno. Il pianeta è stazionario proprio alla fine del mese, il 30 giugno, quando inverte il moto, che diventa retrogrado.

PRINCIPALI EVENTI DI GIUGNO 2024

3 giugno alba

Il pianeta più alto e facile da vedere è Saturno, a Sud-Est, nella costellazione dell’Acquario. E’ seguito da Nettuno, nei Pesci, non visibile ad occhio nudo.
Basso sull’orizzonte ad est troviamo Marte, anch’esso nei Pesci. Nei primi giorni di giugno possiamo vedere anche la falce di Luna calante (il 3 giugno sarà proprio vicina a Marte). Estremamente basso sull’orizzonte si trova Urano, praticamente impossibile da individuare.

Congiunzione Luna-Marte

5 giugno alba

Congiunzione Luna – Pleiadi – Giove – Mercurio

26-27 giugno

Congiunzione Luna-Saturno nella notte tra il 26 ed il 27 giugno.

LUNA CINEREA

In giugno i giorni migliori per osservare la Luna Cinerea sono:

  • 16 giugno subito prima dell’alba
  • 22 giugno subito dopo il tramonto

Ricordiamo che la luce cinerea è un fenomeno della Luna al primo e ultimo quarto, quando presenta un piccolo spicchio illuminato e la luce del sole, riflessa dalla Terra, illumina tenuemente la parte in ombra

FASI LUNARI

IL SOLE

Arezzo: 43°27’45” N, 11°52’50” E

Il Sole oggi: vedere le macchie solari in diretta

crepuscolo civile: il centro geometrico del Sole è tra 0 e 6 gradi sotto l’orizzonte. Gli oggetti si distinguono chiaramente senza luce artificiale.

crepuscolo nautico: il centro del sole è tra i 6 ei 12 gradi sotto l’orizzonte. Marinai possono navigare, con un orizzonte visibile come riferimento.

crepuscolo astronomico: il centro del sole è tra i 12 ei 18 gradi sotto l’orizzonte. Tra la fine del crepuscolo astronomico in serata e l’inizio del crepuscolo astronomico al mattino, il cielo è abbastanza scuro per tutte le osservazioni astronomiche.

PASSAGGI DELLA STAZIONE SPAZIALE ISS

COME OSSERVARE I SATELLITI STARLINK

Buon cielo di giugno dal Gruppo Astrofili di Arezzo !!!

Giugno 2024

Il cielo di giugno 2024

Cielo notte del 15 giugno 2024 da Arezzo

Tra la fine di maggio e l’inizio di giugno la Terra transita nell’orbita di una piccola cometa chiamata 73P/Schwassmann-Wachmann 3 (SW 3). Di per sé questo non è un evento particolare, anzi spesso la Terra passa nell’orbita di varie comete. La SW 3, però, avvicinandosi al sole nel 1995 è andata in frantumi generando molti frammenti. La Terra nella notte tra il 4 ed il 5 giungo passerà proprio in questa scia creando le condizioni ottimali per poter assistere ad uno sciame meteorico che potrebbe fare vedere una pioggia di stelle cadenti eccezionale, come non se ne vedono da decenni.

Al momento non sappiamo se e quante meteore poter osservare. Sappiamo solo che la Terra attraverserà i frammenti di SW 3, una condizione sulla carta perfetta per poter assistere ad uno spettacolo unico. Il quadrante da cui partiranno le meteore sarà la costellazione del Boote. Le meteore saranno lente impiegando alcuni secondi prima di spegnersi.  Purtroppo, la visione sarà disturbata dalla Luna piena la cui luce nasconderà molte meteore. In ogni caso tutti con il naso all’insù per gustarsi lo spettacolo delle stelle cadenti donateci dalla cometa SW 3.

Il 1° giungo ha avuto inizio l’estate metereologica, mentre quest’anno il solstizio, e l’inizio dell’estate astronomica cade il 21 giugno, precisamente alle 16:58. Nel giorno più lungo dell’anno il sole sorge alle 5.29 e tramonta alle 20.58 con una durata di luce di 15 ore e 28 minuti alla nostra latitudine. A mezzogiorno dell’ora solare (le 13.00 dell’ora legale) il Sole raggiunge il punto di massima elevazione sull’orizzonte di circa 70° alla nostra latitudine.

Giugno è il mese con le giornate più lunghe. La porzione luminosa del giorno è ben superiore a quella dominata dall’oscurità. L’inizio della notte astronomica (l’intervallo di tempo in cui il Sole resta sotto l’orizzonte di almeno –18°) si farà attendere fin quasi alle 23:00 e di conseguenza le osservazioni del cielo.

La Luna piena di giugno cade a metà mese il giorno 14 conosciuta come Strawberry Moon (Luna della fragola) in onore dall’arrivo delle prime deliziose fragole.

Veniamo al cielo che accompagnerà le nostre serate nel corso del mese. Il cielo di giugno è ormai dominato dalle costellazioni estive.

A sud è possibile scorgere la bellissima costellazione dello Scorpione, ancora bassa sull’orizzonte ma destinata a salire, con la brillante gigante rossa Antares. Ad est dello Scorpione troviamo il Sagittario, la cui forma è simile a quella di una teiera, e ad ovest la costellazione della Vergine, ultimo lascito del cielo primaverile.

Ad est è ormai ben visibile il terzetto di costellazioni regine dell’estate: il Cigno con la brillante Deneb come vertice della coda dell’uccello, l’Aquila riconoscibile dalla luminosa Altair e la Lira, la più alta in cielo e ben visibile grazie alla brillante stella Vega. Proprio Deneb, Altair e Vega formano l’asterismo del Triangolo Estivo. Alto in cielo ormai allo zenit il quadrilatero della costellazione di Ercole.

Giungo si apre con l’ottima visibilità di Mercurio nel cielo del mattino, che prima di scomparire a fine mese ci regalerà 1 ora circa di tempo di osservazione prima della levata del Sole.  Continua l’ottima visibilità di Venere nelle prima ore della sera seguito da Marte. La seconda parte della notte invece è favorevole all’osservazione di Saturno e verso l’alba di Giove verso Est.

PIANETI

MERCURIO

CIELO_DEL_MESE-MERCURIO

Giugno sarà un mese poco favorevole per l’osservazione del pianeta. Nella prima parte del mese Mercurio si trova ancora nei cieli del mattino, molto basso sull’orizzonte orientale, poco prima del sorgere del Sole, a cui si avvicina rapidamente fino alla congiunzione attesa per il giorno 14. Dopo un periodo di inosservabilità, il pianeta torna ad essere visibile in orario serale, ma solo negli ultimi giorni del mese, quando tramonterà circa un’ora dopo il Sole, avremo maggiori possibilità di riuscire ad individuarlo sull’orizzonte occidentale tra le luci del crepuscolo.

VENERE

CIELO_DEL_MESE-VENERE

Il 4 giugno Venere si trova in congiunzione con il Sole. Finalmente inizia il conto alla rovescia per poterlo rivedere nei cieli della sera, dopo un prolungato periodo di osservabilità al mattino presto prima del sorgere del Sole. Tuttavia per diverse settimane Venere rimane estremamente basso sull’orizzonte occidentale, mantenendosi al di sotto di Mercurio. Pertanto dovremo attendere almeno un mese per ricominciare a scorgerlo più facilmente nella luce del tramonto. Venere completa il proprio percorso nella costellazione del Toro e dal giorno 17 si troverà nei Gemelli.

MARTE

CIELO_DEL_MESE-Marte

Il pianeta rosso incrementa il proprio intervallo di osservabilità nelle ultime ore della notte. Possiamo individuarlo facilmente a Est in una posizione intermedia tra Giove e Saturno. Marte conclude la sua permanenza nella costellazione dei Pesci e lo si può osservare nell’Ariete a partire dal 10 giugno.

GIOVE

CIELO_DEL_MESE-GIOVE

Dopo la congiunzione con il Sole avvenuta il mese scorso, il pianeta gigante ricompare nel cielo mattutino. Inizialmente sarà estremamente basso, ma con il passare delle settimane potremo provare ad individuarlo tra le luci dell’alba sull’orizzonte orientale. Giove si trova nella costellazione del Toro, dove rimane per tutto il resto dell’anno in corso.

SATURNO

CIELO_DEL_MESE-SATURNO

E’ il primo a sorgere tra i pianeti visibili ad occhio nudo nella seconda parte della notte. Il pianeta è facilmente osservabile per un intervallo di tempo sempre più lungo prima dell’alba, dato che anticipa sempre più il suo sorgere: verso la fine del mese lo si vedrà apparire sull’orizzonte orientale intorno all’una di notte. Nelle ore che precedono il sorgere del Sole Saturno sarà visibile a Sud-Est, via via sempre più alto in cielo, fino a scomparire alla nostra vista poco prima del suo culminare a Sud quando il cielo sarà già rischiarato dalla luce del mattino. Saturno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove rimane per tutto l’anno. Il pianeta è stazionario proprio alla fine del mese, il 30 giugno, quando inverte il moto, che diventa retrogrado.

PRINCIPALI EVENTI DI GIUGNO 2024

3 giugno mattino

Allineamento pianeti alle 5:15 del mattino.
Il pianeta più alto e facile da vedere è Saturno, a Sud-Est, nella costellazione dell’Acquario. E’ seguito da Nettuno, nei Pesci, non visibile ad occhio nudo.
Basso sull’orizzonte ad est troviamo Marte, anch’esso nei Pesci. Estremamente basso sull’orizzonte si trova Urano, praticamente impossibile da individuare.
Giove e Mercurio sono ancora più bassi e ad una minore distanza angolare dal Sole. Di fatto sono indistinguibili nella luce del Sole che sta per sorgere.

3 giugno alba

Congiunzione Luna-Marte

5 giugno alba

Congiunzione Luna – Pleiadi – Giove – Mercurio

9 giungo seconda parte della notte

Congiunzione SaturnoLuna all’ultimo quarto nella costellazione dell’Acquario. Miglior momento di osservazione alle 1:50am del 10 giugno

26-27 giugno 

Congiunzione Luna – Saturno nelle notte tra il 26 e 27 giungo

LUNA CINEREA

In giugno i giorni migliori per osservare la Luna Cinerea sono:

  • 16 giugno subito prima dell’alba
  • 22 giugno subito dopo il tramonto

Ricordiamo che la luce cinerea è un fenomeno della Luna al primo e ultimo quarto, quando presenta un piccolo spicchio illuminato e la luce del sole, riflessa dalla Terra, illumina tenuemente la parte in ombra

FASI LUNARI

IL SOLE

Arezzo: 43°27’45” N, 11°52’50” E

Il Sole oggi: vedere le macchie solari in diretta

crepuscolo civile: il centro geometrico del Sole è tra 0 e 6 gradi sotto l’orizzonte. Gli oggetti si distinguono chiaramente senza luce artificiale.

crepuscolo nautico: il centro del sole è tra i 6 ei 12 gradi sotto l’orizzonte. Marinai possono navigare, con un orizzonte visibile come riferimento.

crepuscolo astronomico: il centro del sole è tra i 12 ei 18 gradi sotto l’orizzonte. Tra la fine del crepuscolo astronomico in serata e l’inizio del crepuscolo astronomico al mattino, il cielo è abbastanza scuro per tutte le osservazioni astronomiche.

PASSAGGI DELLA STAZIONE SPAZIALE ISS

COME OSSERVARE I SATELLITI STARLINK

Buon cielo di giugno dal Gruppo Astrofili di Arezzo !!!

Fabio Chiodini
fabiochi@hotmail.com
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.