Gruppo Astrofili Arezzo | Gli asterismi: Il Triangolo Invernale
2416
post-template-default,single,single-post,postid-2416,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Gli asterismi: Il Triangolo Invernale

In astronomia, un gruppo di stelle visibile nel cielo notturno e riconoscibile per la sua particolare forma geometrica é detto asterismo.
Un asterismo é utile come guida e indicatore per individuare nel cielo altre stelle meno luminose oppure oggetti come galassie ed ammassi. Le costellazioni possono essere considerate degli asterismi di grandi dimensioni, tuttavia la tendenza é di riservare questa dicitura a gruppi poco numerosi di stelle, fisicamente non collegate tra di loro.
Numerosi e dalle forme più bizzarre, con questo articolo cominciamo la disamina degli asterismi più noti e soprattutto più facilmente comprensibili ed osservabili anche dagli astrofili in erba, alle nostre latitudini.
Iniziamo con il “Triangolo invernale”: un triangolo quasi perfettamente equilatero, con il vertice rivolto verso sud (Sirio) e attraversato dalla debole Via Lattea invernale.
Per poterlo osservare puntiamo il nostro sguardo verso il cielo in direzione SUD ed individuiamo la costellazione di Orione, in particolare le tre stelle al centro di essa che formano la cosiddetta “cintura” (Alnitak, Alnilam e Mintaka ). Il periodo più propizio per la sua osservazione nel cielo serale va da novembre ad aprile; trovandosi esattamente a cavallo dell’equatore celeste, la sua visibilità è ottimale per tutti i popoli della Terra.
Primo vertice: pensare alla cintura come al centro stretto di una clessidra ed individuiamo una bella stella al vertice sinistro, la “spalla di Orione”, Betelgeuse (facente parte della costellazione di Orione): supergigante rossa che in un futuro ci darà grosse soddisfazioni 😉
Secondo vertice: Tracciando una linea che congiunge le tre stelle della cintura in direzione sud-est possiamo notare una stella, estremamente luminosa, azzurra: trattasi di Sirio (Cane Maggiore), la stella più brillante del cielo.
Terzo vertice: Riconosciuta la stella Sirio, e sapendo che essa è il vertice meridionale, si trova con facilità il terzo angolo (in alto a sinistra), costituito dalla stella Procione (Cane Minore) , un’altra stella azzurra molto luminosa.

triangolo-invernale

All’interno del triangolo passa la Via Lattea, individuabile nelle notti in cui la visibilità è buona, come una striscia leggermente luminosa che percorre il cielo.
A nord del Triangolo Invernale, si evidenzia bene la già citata costellazione dei Gemelli, le cui stelle sono disposte a rettangolo, inclinato verso nord-est, quasi a voler “sfuggire” dal gruppo di stelle di Orione.

Roberta Gori

Mika
miketta@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Contattaci