Gruppo Astrofili Arezzo | Tiangong-1: atto finale
3108
post-template-default,single,single-post,postid-3108,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,paspartu_enabled,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Tiangong-1: atto finale

In questi giorni è apparsa sui social network la notizia, vera non è una fake news, della caduta sulla Terra della Stazione Spaziale Cinese Tiangong-1.
Andiamo per ordine.
Tiangong ovvero “Tempio del Cielo” o “Palazzo Celeste “ è il primo modulo cinese nello spazio di un programma nato nel 1992 che porterà la Cina a costruire una grande stazione spaziale nel 2020. Anche in questi laboratori ci sono stati 6 astronauti,tre per 6 gioni nel giugno del 2012 e gli altri tre nel giugno del 2013 per 11 giorni.
Rispetto alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dove gli astronauti ci passano circa 6 mesi ognuno, al momento i cinesi avevano un tempo limitato, fino al completamento della loro Stazione.
Ma a marzo 2016 i cinesi hanno perso i dati della telemetria. Sì quella che sentiamo durante i GP di Formula 1 e quelli di moto. Come vediamo prima le tecnologie vengono applicate per scopi scientifici/(militari) e poi passate ai civili.
Al momento dell’interruzione dei dati il laboratorio era senza equipaggio ma funzionava ancora e procedeva al monitoraggio dei dati.
Ora senza usare mezzi termini sta venendo giù senza controllo, cioè il suo rientro non può essere indirizzato in un punto stabilito ma casuale. Gli oggetti che orbitano intorno alla Terra hanno orbite prestabilite e vengono corrette al momento che l’oggetto perde quota causa l’attrazione terrestre.
La Tiangong non potendo correggere l’orbita piano piano ad ogni giro intorno alla Terra, incontra strati dell’atmosfera sempre più spessi che la rallentano e così aumenta l’attrazione verso il basso.
Da una parte sarà uno spettacolo unico, dall’altra parte questo rientro non controllato crea apprensione nella fascia dove cadrà.
Al momento gli ultimi dati danno all’interno della fascia -44°S e +44°N di latitudine, cioè per quanto riguarda l’Italia dalla Romagna in giù tra il 28/3 e il 4/4. Ma solo nelle ultime 36 ore sarà possibile calcolare il punto di impatto.
C’è anche una circolare della Protezione Civile: http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/norme_autoprot_tiangong.wp
Non gridamo al panico. È tutto sotto controllo e un continuo monitoraggio.
Andrea Fioroni
Tiangong-1_node_full_image_2-350x197
Tiangong-1 space station. Credit: CMSE/China Manned Space Engineering Office
No Comments

Post A Comment

Contattaci